Italian

LEGGERE PER BALLARE

IL PICCOLO PRINCIPE: LA STORIA PRENDE VITA CON LA DANZA
Quest'anno, per il secondo anno consecutivo, L'Istituto G. D'Annunzio ha aderito a "Leggere per ballare", progetto che ha ottenuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri- Ministero delle Pari Opportunità e che dal 29 aprile 2009 è oggetto di un protocollo d'intesa col Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (M.I.U.R.). " Leggere per...ballare" è un progetto didattico artistico - innovativo - che partendo dalla lettura di un libro si realizza attraverso un lavoro in rete. Gli obiettivi dichiarati sono:

 

  • superare la "separatezza" fra i luoghi della formazione (istituzione scolastica e scuole di danza).
  • inserire i linguaggi non verbali fra le attività della formazione.
  • valorizzare il teatro quale luogo magico in cui avviene una speciale comunicazione che interpella le emozioni.

 


Per costruire un progetto si parte dalla lettura di un testo in accordo con le insegnanti della scuola istituzionale.
Assieme le insegnanti della scuola e il coordinatore individuano piste di lavoro comuni che poi ogni operatore approfondirà con la propria disciplina nella sua programmazione didattica.
L'incontro delle diverse didattiche avviene al momento della rappresentazione teatrale, dove allievi delle scuole di danza sono protagonisti di uno spettacolo per i loro coetanei i cui insegnanti abbiano aderito al progetto. Quest'anno lo spettacolo si è svolto sulla storia "Il Piccolo Principe", diventato patrimonio dell'UNESCO. In classe le quinte hanno letto la storia, affrontando i vari temi che questo racconto racchiude, come, ad esempio, quello dell'amicizia. Le stesse classi hanno realizzato dei cartelloni con le varie sequenze e didascalie ispirate al libro. Inoltre questa storia è stata, durante l'anno, spunto continuo di riflessione e scambio di idee fra gli alunni. C'è stato anche un incontro con l'esperto coordinatore, Maria Meoni, che ha interagito con gli studenti sui punti salienti della storia. Infine gli alunni di quinta hanno realizzato dei segna libri sui temi della storia come omaggio a tutto lo staff che ha realizzato lo spettacolo. Molto positivo il riscontro sui miei studenti, entusiasti di assistere allo spettacolo, dove hanno potuto riconoscere i varipersonaggi e le parti del racconto. Positive anche le loro recensioni. Proficuo il lavoro in italiano dove ho potuto, attraverso queste attività, integrare certi obiettivi quali migliorare la comprensione e la riflessione su un testo narrativo. L'attesa dello spettacolo è stato, per i bambini, uno stimolo in più per approndire le varie parti del racconto. Quest'anno hannoa ssistito alla rappresentazione, oltre alle classi del plesso Aquileia, anche quelle del plesso G. Verga, quelle della scuola C. Colombo e i bambini dell'ultimo anno della scuola dell'infanzia Santa Giuliana che hanno chiesto di poter assistere allo spettacolo.