Italian

"Alice nel paese delle meraviglie"

Leggere per ballare: Alice nel paese delle meraviglie

Venerdì 27 Aprile, al teatro Vivaldi, tutti i bambini della scuola primaria Aquileia hanno assistito allo spettacolo di danza - teatro "Alice nel paese delle meraviglie" dall'omonima storia di Lewis Carroll. Il progetto , promosso dall'associazione culturale Labirinto, che vede coinvolte alcune scuole di danza esterne e al quale tutte le classi del plesso hanno aderito, è riconosciuto dal M.I.U.R (Ministero dell'istruzione, dell'Università e della Ricerca) e si pone come obiettivi significativi:

  • superare la "separatezza" fra i luoghi della formazione: le scuole di danza esterne coinvolte nella realizzazione dello spettacolo e la scuola istituzionale.

  • inserire i linguaggi non verbali fra le attività della formazione

  • valorizzare il teatro quale luogo magico in cui avviene una speciale comunicazione che interpella le emozioni.

Come si costruisce il progetto

Per costruire il progetto si parte dalla lettura di un testo in accordo con le insegnanti della scuola istituzionale.
Assieme le insegnanti della scuola e il direttore artistico individuano piste di lavoro comuni che poi ogni operatore approfondirà con la propria disciplina nella sua programmazione didattica.
L'incontro delle diverse didattiche avviene al momento della rappresentazione teatrale, dove allievi delle scuole di danza sono protagonisti di uno spettacolo per i loro coetanei i cui insegnanti abbiano aderito al progetto. Le classi dell'Aquileia hanno letto la storia di Carroll ed effettuato attività didattiche varie , a seconda del livello cognitivo relativo all'età dei bambini. Sono state realizzate rappresentazioni grafiche sulle sequenze della storia e sui suoi personaggi . Questi elaborati sono stati esposti su panelli posti all'entrata del teatro per accogliere gli artisti che hanno preparato per noi lo spettacolo. Durante le ore di Arte e Immagine sono stati realizzati, inoltre, dei bellissimi fiori di carta crespa con cui i bambini hanno preparato dei bouchet da regalare allo staff. E' stato uno spettacolo che ha raccolto l'entusiasmo dei bambini, degli insegnanti e dei genitori presenti allo spettacolo. Molto costruttiva l'attesa degli alunni che hanno vissuto la preparazione degli elaborati con molto impegno e con la voglia di stabilire un "contatto" con i loro coetanei. Lo "scambio" è stato molto significativo e ricco di emozione come lo dimostrano alcune espressioni utilizzate dai bambini di 4 nella produzione dei loro testi sullo spettacolo. Riporto alcune frasi tratte da ciò che hanno scritto delle mie alunne, per meglio rendere le impressioni ed il vissuto dei bambini:

"Mi piace particolarmente l'idea che da un'opera d'arte, un libro, si riesca a ricavarne un'altra come un balletto. Mi ha emozionato e mi è piaciuto perchè io amo la danza." Martina 4B

..."Innanzitutto voglio dire che lo spettacolo è stato molto speciale e fantasioso, diverso dagli altri, anche perchè era tutto ballato, raccontato con il corpo. E' stato molto ipnotizzante il Balletto delle guardie della Regina per il rumore ed il colore delle armature , una musica trionfante e gloriosa. Che emozione.!! Lucrezia 4 B

…”Circa una settimana prima di questo spettacolo di danza, ci siamo divisi in quattro gruppi, ognuno dei quali ha realizzato dei cartelloni. Le immagini erano ispirate al libro letto in classe. Il giorno stesso della rappresentazione ci siamo recati al teatro Vivaldi per attaccare i nostri capolavori. La mia impressione è stata solo una e la descrivo in quattro parole: “È stata un’esperienza sbalorditiva!!!”Agnese 4 A

…” Il racconto è stato molto bello , le musiche e i balletti rispecchiavano la mia idea su questa favola. Avrei preferito che le immagini sullo sfondo fossero state scelte tra i disegni dei bambini delle varie scuole . Devo dire che la scena del “non compleanno'' è stata quella che mi ha colpito di più. Comunque tutti bravissimiiiiii!!!!!!!!!!!!!!!!!!!” Andrea 4A